AdSense

mercoledì 21 luglio 2010

Una ET3 molto tamarra!

Incontrata al raduno Vespaporchetta di San Prospero (MO), lo scorso sabato.

Esempio quasi perfetto di cosa circolava negli anni '80 in tema di elaborazione estetica di una Vespa, questa ET3 ha praticamente su di se tutti gli elementi tipici, intanto tutti gli accessori di colore bianco, accostamento quasi d'obbligo per il P5/2 celeste metallizzato con cui è verniciata.

 Portapacchi posteriore con portaruota che funge anche da poggiaschiena e maniglie, l' immancabile sella Yankee, targa con portatarga inclinato, retine antisassi per il fanale anteriore e posteriore, le 'mitiche' fasce anticolpi laterali FOX, il tappetino 'balneare' anch'esso di colore bianco, la cornicetta fanale in plastica bianca, i copriruota stile 'Porsche' anni '70, il bauletto da PX con guarnizione bianca e l'aquila in volo (alternativamente si trovava l'adesivo della discoteca 'COSMOS', meta di allora di tanti fricchettoni) la cordicella a molla per la chiave di accensione, le manopole tipo 'cross' con annesse leve in plastica, tappini bianchi del cavalletto e il naso del PX prima serie!



Manca qualcosa? Beh si, magari il portapacchi anteriore (rigorosamente bianco) una bella marmitta siluro bianca smaltata della Pinasco, i poggia piedi (bianchi) e magari arrivando all'estremo, le frecce, il manubrio e il fanale posteriore del PX prima serie!

martedì 6 luglio 2010

Restauro 'Fantasia' di una VNB3...

Ecco l'ultima fatica del Vespagarage, il restauro di una VNB3 del 1962. Inizialmente io dovevo solo fornire un supporto 'tecnico' cioè come fornitore dei ricambi, poi a telaio già verniciato di un colore identico al GS 150 VS5 che avevo già fatto per loro tempo fa...mi è stato affidato anche questo restauro. A parte il colore da GS, la Vespa avrebbe anche alla stessa maniera di quella fatta l'anno scorso il paraurti cromato e le coppe sulle ruote che per stavolta vi risparmio. Già fanno abbastanza 'figura' i due lunghi specchietti retrovisori...per contro il motore gira davvero come un orologio e nonostante i pochi km. prova fatti, 'ne ha' davvero per essere un VNB.

venerdì 2 luglio 2010

Echi degli anni '80 - 2 - La sella Yankee




















Uno dei tratti più caratteristici di quegli anni nel tuning Vespa è stata la comparsa sul mercato degli accessori off-market, della sella Yankee della Giuliari. La sella a due posti in stile vagamente Custom (moda che imperava nelle moto nei primi anni '80) ha veramente spopolato e ancora adesso trova dei fans innamorati dell'accessorio che mantengono in vita il mito, utilizzandola come sella della propria Vespa ancora oggi. Naturalmente costruita per le large (soprattutto i PX) che per le small (soprattutto sulle 50), veniva prodotta in tre colori, bianco, nero e rosso. Inizialmente aveva due strisce orizzontali nere sul posteriore centrate con il pulsante di sgancio, interrotte dal logo stilizzato della Giuliari. Un blocco di gommapiuma assicurava il molleggio, su una base piatta di metallo. Probabilmente la sua fortuna è stata l'essere più alta e rigida della sella normale, ed essendo più stretta, permetteva una 'seduta' più confortevole, soprattutto nel caso del passeggero della small su cui era installata. A ruota anche altri produttori si sono messi a fare la loro personale versione della Yankee arrivando a selle biposto enormi stile scooterone come la King Queen anch'essa ancora in produzione. La Giuliari ha chiuso i battenti nel 1999, ma la sua sella continua tutt'ora a trovare estimatori in Italia e in Europa!