AdSense

martedì 23 novembre 2010

Pacco di Natale???

E'tutto un Mondo Vespa...98

Dopo due anni di intenso lavoro di ricerca ed elaborazione, finalmente è uscito l'attesissimo volume dedicato esclusivamente alla nascita del fenomeno Vespa nel modello capostipite della serie: la mitica '98'. Redatto da due appassionati Vespisti Roberto Donati e Paolo Zanon, proprietario tra l'altro della Vespa 98 color amaranto n° seriale 48 che campeggia sulla sovracopertina, questo libro in 346 pagine di alta qualità tipografica analizza con rigorosa professionalità anche tramite ricerche storiche condotte direttamente sull'Archivio Piaggio di Pontedera ogni aspetto degli antefatti e della successiva nascita della prima Vespa, anche quelli rimasti più oscuri e su cui magari si sono create delle vere e proprie leggende metropolitane prive di fondamento, come quella delle 50 Vespe 98 cosiddette 'preserie' di cui le ultime due ricomprate dalla Piaggio per evitare che rimanessero invendute. Tutti gli aspetti che hanno circondato l'uscita sul mercato della 98 sono presi in considerazione, dalla nascita delle prime concessionarie alle competizioni Vespistiche del primo dopoguerra, ai raduni alle interviste ai superstiti di quell'epoca, il tutto corredato di copie fotografiche di pubblicità dell'epoca e documenti ufficiali Piaggio e collegati (mai visti prima!) e foto dell'epoca di cui parecchie inedite. Amplissima e approfondita poi la parte dedicata alla tecnica vera e propria dei vari modelli, a partire addirittura dalla MP5 ovvero la Paperino e che comprende anche le due versioni della Vespa 98 Corsa. A seguire l'analisi tecnica dettagliata con foto dei singoli componenti smontati delle varie modifiche introdotte nei motori. Questa sezione dedicata sia all'appassionato che al restauratore professionale che vuole conoscere ogni aspetto tecnico di questi modelli, è realizzato in un modo così approfondito e particolareggiato da essere unico nel suo genere e che speriamo venga preso ad esempio da altri. In definitiva una vera e propria 'Opera Omnia' monumentale che riscrive in maniera definitiva la storia della mamma di tutte le Vespa.

'Vespa 98 - Risorgere su due ruote' di R.Donati e P.Zanon Ed. TEP Edizioni d'arte.
Prezzo di copertina 72 €, acquistabile con versamento su C/C n. 13362298 intestato a TEP Srl Piacenza
tel: 0523 504918
fax: 0523 516045
email: itatep@tin.it
www.vespa98.it

sabato 13 novembre 2010

Cosa c'e' di nuovo nel Nuovo PX e...la LML

Di ritorno dall'EICMA 2010 e dopo avere visionato da vicino il 'Nuovo PX', ho potuto anche grazie al supporto di un funzionario Piaggio, evidenziare le novità estetiche nella terza vita della sua Vespa più diffusa.
Del motore ne avevamo già parlato e lì non ci torneremo sopra.

Ecco le differenze sicuramente evidenti (sotto ai cofani non mi è stato consentito ispezionare!) per il resto sono presenti elementi estetici già facenti parte dell'ultima serie di PX.



Le colorazioni sono un ritorno al classico: Blu china e Rosso corsa (questo per una congiunzione con i primi colori reclamizzati da Piaggio sulle sue brochures del PX) ma purtroppo niente Chiaro di Luna metallizzato, la motivazione: i colori metallizzati 'stancano'.
Oltre a questi, i più moderni Bianco Montenapoleone e Nero. Sono state riviste e migliorate le saldature dei telai. La Vespa è totalmente costruita a Pontedera.



La ditta Notari ha creato un set di accessori appositamente per il Nuovo PX e c'e' da dire che esteticamente sono stati ben studiati! I perimetrali si staccano tramite innesti a molla e non come quelli tamarri anni'80 che avevano antiestetiche manopole a vite.

A parte una nuova fusione per i carter, esteriormente non si nota nessuna evidente differenza estetica sui motori.


Prezzi indicativi (uscita sul mercato prevista: Febbraio 2011) 3300 € per la 125 Euro 3 e 3500 € per la 150 Euro 3. Esclusa la serie limitata P125X 'Ultima Serie' si tratta di circa 500 € in più rispetto agli ultimi PX MY del 2008.

E la LML...? Col ritorno del PX sul mercato, la LML torna automaticamente ad essere l'alternativa 'economica' ad esso. Per questo la politica della casa indiana si è fatta molto aggressiva, al suo stand ho contato una trentina di modelli ognuno di una colorazione diversa (di sicuro la cosa più di impatto) con svariati allestimenti e un grado di finitura sempre inferiore al PX made in Italy, ma non così inferiore. Le motorizzazioni adesso sono 6, 125 e 150 2T poi 125, 150 e la nuova 200 4T con iniezione Ducati (anche se il modello presentato come tale, non è quello definitivo) e il modello sportivo by Polini da 165 cc. 4T. Ho visto anche il prototipo della LML elettrica (funzionante) ma per me questa è una cosa a parte e appunto, solo un prototipo. Nel futuro della LML potrebbe anche esserci un sistema ABS con frenatura integrale con ripartitore meccanico sulle due ruote...ma è ancora prematuro parlarne! Anche la politica dei prezzi si è fatta aggressiva, la LML ha annunciato un consistente taglio dei listini che con gli attuali incentivi statali può raggiungere il migliaio di euro rispetto al PX Piaggio.

A questo punto sarà solo una decisione tra pragmatismo ed economia...

martedì 2 novembre 2010

Ecco il 'Nuovo' PX

Ecco presentato sui siti specializzati, assieme al resto della nuova produzione del Gruppo Piaggio, il 'Nuovo' PX. Come ho scritto in un precedente post di anticipazioni, le differenze estetiche sono minime. Visivamente si tratta solo della sella con nuovo profilo e del ritorno del nasello del PX prima serie, assieme ad una imitazione in plastica iniettata del 'vecchio' tappetino in gomma (ma con logo 'Vespa' al posto dei rombi) con listelle cromate. Sarà come dice qualcuno che la Piaggio non poteva fare di meglio per un prodotto di nicchia (5000 pezzi all'anno, più o meno) però avendo adesso un concorrente diretto creato praticamente da lei stessa, avendo ceduto una catena di montaggio PX alla LML che in previsione dell'EICMA 2010 ha appena rinnovato la gamma del suo 'PX' con TREDICI versioni diverse, con motorizzazioni 2 e 4T da 125 a 200 cc che saranno equipaggiati di iniezione elettronica, un modello con motore elettrico e anche un modello sportivo da pista da 165 cc. 4T elaborato dalla Polini, cosa che la Piaggio non fa più praticamente dai tempi della 90SS, sinceramente ci si aspettava qualcosa di più che sostanzialmente la stessa Vespa del 2008...e anni precedenti. Sicuramente il marchio originale attirerà sempre molti appassionati, che però dovranno confrontarsi con un prezzo previsto quasi doppio rispetto al concorrente indiano che oltre al rinnovo e all'ampliamento della gamma ha annunciato consistenti ribassi del listino, anche grazie ai nuovi incentivi statali di cui comunque beneficerà anche il 'Nuovo PX'. Rimane sempre l'opzione di un nuovo motore 4T 200 anche per la Piaggio che però non dovrebbe uscire prima della fine 2011, quindi sempre in grave ritardo rispetto agli indiani che invece usano motori 4T sulle loro 'Vespe' da diverso tempo e già pronti per questa nuova motorizzazione.