AdSense

domenica 3 luglio 2011

Echi degli anni '80 - 5 - Il Pitone FAR

Quale tra le marmitta da large poteva essere più rappresentativa dell'epoca di cui parliamo? Ma certo! Il Pitone FAR! Ricordo benissimo che praticamente tutti la montavano e il suo rumore metallico e rauco era ben distinguibile anche a distanza e come la Proma decisamente poco simpatico a vigili e affini.

Per cortesia del sito ET3.it

Molto probabilmente la sua fortuna è stata quella di essere una marmitta right-hand ovvero che usciva da sotto il carter motore, senza essere troppo visibile e senza impegnare per niente la parte sinistra della Vespa, soprattutto in piega. Per il resto una marmitta tipica nel suo funzionamento che perde molta coppia ai regimi bassi ottenendo qualche km/h in più di velocità di punta, vento contrario o salite a parte.

D'altronde basta guardarla per capire che il progettista (?) deve essersi davvero ispirato ad un serpente in digestione piuttosto che ad una vera marmitta ad espansione. Inoltre, come quasi tutte le marmitte right-hand, registrare la frizione diventava un'impresa.

In quegli anni le macchine di Formula 1 erano tutte dotate di motore con turbocompressore e anche molte macchine e macchinette di serie ne erano dotate, quindi giustamente anche il Pitone FAR non poteva essere da meno avendo a corredo un adesivino giallo con la scritta 'PITONE' stilizzata sul corpo sinuoso di un serpente e la scritta di fianco 'A Gas di Scarico Turbocompresso'. Francamente nessuno ha mai capito dove fosse il KKK nel Pitone, ma a noi piace credere che così fosse...

Come si vede dalla foto, ne sono state realizzate anche altre due versioni oltre quella 'base' universalmente riconosciuta, la versione con (piccolo) silenziatore in alluminio e la versione cromata.

Ogni tanto torna alla ribalta in qualche forum recuperata attaccata a qualche rudere di PX rottamato che ebbe a passare diverse estati in quel di Rimini o della riviera romagnola in quegli anni. Ma diciamo che vale molto di più come feticcio nostalgico di quelle estati che come effettivo valore tecnico!

Una serissima prova marmitte applicati a motori originali fatta su Scootering Magazine qualche tempo fa, conferma la mia ipotesi:

Nessun commento: