AdSense

venerdì 2 settembre 2011

Ciao Vecchio, Bobina Nuova

Una digressione dall'argomento Vespa, ma nemmeno poi tanto...nel mio fido Ciao del 1971 che uso regolarmente per lavoro, la bobina AT è posizionata sotto il telaio e non come nei modelli più recenti, all'interno della fiancata sinistra. La bobina originale è quella della FEMSA, la stessa che si può trovare anche sulle Vespa large anni '70. Visto che non sembrava più essere in gran forma (comprata usata ad un mercatino) e dava problemi di accensione, ho pensato di sostituirla con una più moderna ed efficente bobina Ducati. Nel fianchetto sinistro però non ci sta, la gobba nel telaio per alloggiarla non è sufficente e si rischia di spaccare il fianchetto per lo sforzo. Com'e', la bobina Ducati non va pari coi buchi perchè tocca il carter motore. All'interno dell'alloggiamento motore, meno che meno. Alla fine la soluzione piuttosto semplice è stata trovata: è bastato fare una pila di rondelle piene fino a sorpassare il bordo del carter motore e lasciare così la bobina in posizione orizzontale. Le distanze dei fori sul telaio con quelli sulla bobina sono praticamente identici.


5 commenti:

Stan Tuffo ha detto...

Anch'io ho avuto il Ciao, era un PX, e
aveva la bobina posizionata sul fianco sx.
Non sapevo (e non credevo) che nel
modello 1971 la Piaggio avesse montato la bobina in quella sfigatissima posizione....in balia
di acqua, fango, merda....
Io cercherei una bobina adatta a essere montata sul lato sx, che certe tingsbrutture (e la Piaggio sui propri mezzi ne ha fatte tante, e continua a farle)vanno cancellate.

Francesco Caizzi ha detto...

Purtroppo bobine AT piccole così (dovrebbe essere almeno 2 cm. più sottile) sembrano non essercene e deve anche essere adatta ad erogare corrente AT con quello che lo statore gli dà dentro, sarebbe una scelta al buio. Cmq, finora problemi di pioggia o altro non ne ho mai avuti, basta tenere ben ingrassati al silicone gli attacchi. Di sicuro ora la scintilla è regolare e il motore non zoppica più come prima, anzi direi che va ancora meglio.

Stan Tuffo ha detto...

Sicuramente non ci sta per via del coperchio in plastica che è troppo aderente al telaio...del resto, se
la memoria non m'inganna, non ci sono altre posizioni ottimali.
Neanche a posizionarla sempre sotto il coperchio in plastica ma in un'altra posizione...da una parte c'è la cinghia di trasmissione, dall'altra parte c'è la catena...
peccato...

Anonimo ha detto...

Ciao!La ceab la produce ancora la sua bobina originale,da montare sotto al motore.Oppure se proprio vuoi montare quel tipo di bobina esiste un apposita staffetta metallica.comunque non ha mai dato problemi la bobina montata in quella posizione,ma se proprio vuoi metterla dentro al fianchetto,basta comprare la bobina del ciao Arcobaleno o R2.Essa ha un apposita staffa che va fissata alle due viti di fissaggio motore al telaio,e va montata all interno del fianchetto destro,cioè lato rubinetto.

Francesco Caizzi ha detto...

Grazie per i consigli, beh diciamo che questa era la classica riparazione 'al volo' per tornare a girare col Ciao ;) Magari se dovessi restaurarlo (però sarebbe un peccato perchè è un discreto conservato) sicuramente ci sarebbe da riportarlo all'origine, peccato che i fianchetti bianchi sono praticamente introvabili, mentre ho già sostituito il fanale bianco e anche il manubrio a V sembra essere riprodotto per sostituire quello che è stato messo di recente preso da un Ciao anni '90. Comunque continuano ad esserci dei problemi all'accensione e le puntine sono già state sostituite. In più da un pò a bassa velocità si sentono delle forti oscillazioni che non ho capito se vengono dalla frizione posteriore o dal variatore. Di recente ho dovuto anche sostituire il mozzo posteriore con uno più moderno con il millerighe perchè il suo originale con l'inserto si era spezzato lì. Pure il motore è stato sostituito con quello del Ciao anni '90, il suo non arrivava più a 40 kmh...questo sfiora i 55 ;-)