AdSense

giovedì 25 agosto 2016

Restauro Vespa 125 GTR 1973

Questa volta il restauro illustrato è di un classico degli anni '70, la Vespa GTR, ovvero "R" per rinnovata. Rispetto al modello del 1966, col nuovo manubrio col faro rotondo invece che trapezoidale. Il modello da restaurare aveva già il motore preparato dal proprietario (con sotto un DR177) e quindi a me rimaneva da fare tutto il resto! La condizione iniziale non era davvero delle migliori:





Il colore originale non è quello che si vede, ma quello che appare sullo scudo, ovvero il P/230 il blu che usava anche la Sprint 150 prima serie che ho realizzato qualche anno fa.

Purtroppo dopo la sabbiatura, la situazione se possibile è ulteriormente peggiorata...









Quindi è stato deciso di sostituire integralmente la pedana, così che il carrozzaio potesse anche bonificare l'interno del tunnell anch'esso arrugginito. E'stato necessario anche ricostruire l'alloggiamento coi fermi della forcella, divelti (e si vede anche dalle pieghe sullo scudo anteriore) e chiudere un bel buco per il solito contatto a chiave "Rally 200 style" che il precedente proprietario aveva realizzato al posto dell'alloggiamento dello scudetto...





Il lavoro è stato lungo ma alla fine tutti i pezzi sono tornati a casa in perfetta forma...



A lato naturalmente tutti i pezzi da zincare hanno avuto il loro trattamento...





La pedana era nuova, così bisognava rifare tutti i fori per le liste pedana ed è stato necessario prendere le misure da una Vespa Sprint Veloce di un amico e riportarle sulla nuova pedana...2 giorni di prove e misure!







E il resto dei lavori...











Il serbatoio originale era troppo corroso dalla ruggine, il proprietario tra i ricambi da lui acquistati ha preferito quindi aggiungerci una riproduzione nuova...



Della serie "I ricambi Di Emme", un orrendo pedalazzo made in India che oltre a non essere nemmeno delle stesse misure di quello originale, presenta un'orrenda bolla di fusione nel bel mezzo in vista del pedale. Scartato dai ricambi fornitomi e recuperato (giustamente) lucidandolo, il suo originale.







Il parafango era quello di una Sprint, privo quindi dei fori dei fregi che sono stati aggiunti dopo.













Parafango con i fregi aggiunti.







Particolare del motore ricondizionato, con tanto di cilindro 177 DR, dal proprietario.











Un'altra particolarità della GTR è quello di avere lo stesso contachilometri a sfondo nero della Rally 180 e 200.



Ed ecco il risultato finale!



































6 commenti:

Alex ha detto...

Ciao, scusa se te lo chiedo qui ma non ho trovato nessun altro posto. Ho visto su YouTube il video dove parlavi del lungo percorso che ha dovuto fare un tuo amico per immatricolare la sua vnb che era stata demolita. Io dovrei fare la stessa cosa per una ET3 (demolita) e informarndomi in una agenzia mi è stato detto che con 400€ potevo avere la targa senza passare ,come ho spesso sentito, dall'FMI. Secondo il tuo parere è possibile una cosa del genere? Ti ringrazio in anticipo e spero in una tua risposta

Largo Ciospe Francesco ha detto...

Ciao, purtroppo è una cifra del tutto ottimistica. Già solo con un mezzo radiato d'ufficio con targa e documenti ci vogliono 500/600 € con l'agenzia, col demolito che ha bisogno di più documentazione e spese, passi tranquillamente i 700 € e devi avere il mezzo praticamente o straconservato come era la VNB del mio amico o restaurato a regola d'arte con certificazione. Questa certificazione, se deve essere esaminato un restaurato fatto "in casa" per dire, può farla anche un'officina affiliata all'agenzia...sempre che ne abbia una e normalmente NON è la pratica standard! Poi chi ti ha raccontato di reimmatricolazioni fatte senza passare dall'FMI ti ha raccontato una emerita balle, si fa *SOLO* passando tramite FMI o ASI, che comunque è una operazione compresa nel prezzo, di solito. Quindi la mia risposta è no, per come te l'hanno raccontata non è possibile o probabilmente hanno capito male.
Ciao F.

Roberto Portas ha detto...

Ciao e complimenti!! seguo sempre i tuoi restauri dai tempi di VOL.
Guardando il restauro del GTR ho notato che nella pancia laterale lato bauletto porta oggetti, tra la guarnizione e il telaio rimane un po' di luce. Probabilmente spostando leggermente la guarnizione la luce sparisce ma volevo sapere il perchè di quella luce. Te lo chiedo perchè ho finito di restaurare da poco una 180 rally e anche a me lato sinistro rimane un po' di luce tra pancia e telaio (per fortuna con la guarnizione spostata non si nota).
Da cosa può dipendere? come si può risolvere ?

Largo Ciospe Francesco ha detto...

Ciao, rimane un pò di luce perchè teoricamente i carrozzai dovrebbero sempre fare delle prove prima per capire se le pance sono calandrate bene rispetto ai telai, aprendole o chiudendole in fase di restauro carrozzeria. Peccato che quasi nessuno lo fa, così o stringi alla morte i 6 dadi sui bulloncini e/o sposti la guarnizione, che spesso non è così di grande qualità ed essendo spesso finta gomma in plastica, poi non segue perfettamente il profilo del telaio...

Ciao F.

Roberto Serpillo ha detto...

Ciao volevo chiederti un informazione
Oggi ho visionato una vespa 50 special del 69
Così mi è stato detto perché la vespa e smontata
Il proprietario l'ha restaurata solo che si scocciava di montare tutti i pezzi partendo dal motore a finire alle ruote.
Mi ha detto che il motore non è a 3 marce ma ben si a 4 quindi sono rimasto perplesso perché non so se poi riesco ad avere L'assicurazione d'epoca ASI.
E quindi stavo cercando una persona che se ne intendesse se per piacere puoi aiutarmi
Grazie in anticipo

Largo Ciospe Francesco ha detto...

Ciao, infatti il motore di una Vespa 50 Special è a 3 marce, sono diventati a 4 marce dal 1975 in poi. Quindi ti sta vendendo un motore che non è il suo.

Ciao F.